Post Image

La pressatura del caffè nel portafiltro è da sempre una delle fasi più stressanti del lavoro del barista dal punto di vista fisico. Da oggi esiste uno studio che prova con dati certi quanto sia impattante la scelta di un pressino alternativo. Il risultato dell’interessante ricerca condotta da Diane E. Gregory e Stephanie E. Romero dell’Università Wilfrid Laurier di Waterloo, Ontario sull’uso del tamper tradizionale comparato al pressino PUSH, creato da Clockworkespresso, è oggi disponibile online. L’utilizzo ripetuto del pressino tradizionale, per lo sforzo richiesto e per la posizione e il movimento attuato, può creare danni permanenti sul lungo termine a schiena, spalle e polsi. Lo studio, pubblicato da Science Direct e finanziato da La Marzocco, ha rilevato che la forza richiesta da un pressino PUSH è inferiore del 7% rispetto a quella necessaria al barista con un pressino tradizionale e si riduce drasticamente il rischio di danno a carico del polso.

Per maggiori info, visitare: http://www.sciencedirect.com/science/article/pii/S0169814117301324